Protezione dell'ambiente

Scopri il nostro approccio

  • Cambiamento climatico
  • Acqua & Rifiuti
  • Energia
  • Packaging

Il cambiamento climatico Sin dal 2009, il Gruppo misura annualmente la propria Carbon Footprint, impegnandosi ad introdurre misure sempre più vincolanti. Negli ultimi dieci anni abbiamo misurato la nostra Carbon Footprint totale per valutare l’impatto prodotto dalle attività da noi svolte, dall’approvvigionamento delle materie prime all'utilizzo dei prodotti.
Avere un quadro chiaro e completo del proprio impatto lungo la catena del valore è fondamentale per identificare le aree che presentano maggiori opportunità di riduzione delle emissioni.

Il Gruppo ha conseguito piena conformità al Greenhouse Gas Protocol, che stabilisce i criteri in base ai quali le organizzazioni possono misurare e comunicare le proprie emissioni.
* Emissioni “Scope 2” basate sul mercato.
** Viaggi dei dipendenti - Rifiuti e prodotti ausiliari - Beni strumentali - Beni in leasing - Trasporto e distribuzione - Trattamento di fine vita dei prodotti solidi.
*** Le emissioni sono legate ai centri di produzione che consegnano i prodotti KINDER® Sorpresa agli stabilimenti Ferrero, inclusi materiali, stampi e trasporto delle Sorprese.
L'emergenza climatica richiede alle aziende di intensificare il proprio impegno per ridurre le emissioni di gas serra e contribuire a limitare il cambiamento climatico. Faremo la nostra parte portando avanti una nuova serie di obiettivi climatici al 2030.
I nostri obiettivi per il 2030:
  • Ridurre del 50% tutte le emissioni derivanti dalle nostre attività (ovvero emissioni in gergo tecnico “Scope 1 e 2”) rispetto all'anno base del 2018.
  • Ridurre complessivamente le emissioni del 43% (emissioni dirette ed indirette - “Scope 1, 2 e 3”) per ogni tonnellata di prodotto realizzato rispetto all'anno base del 2018.

Il primo obiettivo riguarda tutte le emissioni dirette dei nostri stabilimenti, magazzini ed uffici principali in linea con un percorso di riduzione coerente con il difficile scenario di aumento della temperatura di 1,5 gradi Celsius. Il secondo obiettivo coinvolge l'intera catena del valore ed include circa il 90% delle nostre emissioni indirette terze ("Scope 3"). Abbiamo incluso tutte le aree principali che contribuiscono all'impronta (carbon footprint) del gruppo, tra cui i nostri ingredienti principali come il latte, l'olio di palma, le nocciole, lo zucchero, la farina e il cacao, poi il packaging, la logistica a monte ed infine i combustibili e le attività legate all'energia.

Queste aree sono più difficili da affrontare perché sono al di fuori del nostro controllo diretto. Tuttavia crediamo che, attraverso il coinvolgimento dei nostri fornitori, si possa costruire un percorso condiviso per raggiungere questo obiettivo. Complessivamente, i due obiettivi fanno riferimento alla maggior parte delle emissioni relative agli Scope 1, 2 e 3 di Ferrero. Per raggiungere il primo obiettivo, abbiamo sviluppato una tabella di marcia prestabilita per ridurre le emissioni di stabilimenti, magazzini e uffici principali (Scope 1 e 2) entro il 2030. Per il secondo obiettivo climatico, che coinvolge anche le emissioni indirette terze (Scope 3), la società collaborerà con i propri fornitori per ridurre le emissioni, adottando soluzioni a minore impatto di emissioni e valutando molteplici approcci.

Il nostro nuovo impegno per rendere gli imballaggi 100% riutilizzabili, riciclabili o compostabili entro il 2025 contribuirà al raggiungimento di questo obiettivo. In alcuni casi, valuteremo l'opportunità di dare la priorità ai fornitori con le emissioni più basse e valuteremo le opportunità di integrare le attività di investimento per ridurre le emissioni nelle nostre catene di approvvigionamento agricole.

Acqua & Rifiuti L'acqua è una risorsa preziosa e condivisa fondamentale per le comunità, gli ecosistemi e la biodiversità. Le risorse di acqua dolce stanno subendo una pressione crescente a causa degli impatti del cambiamento climatico e degli ingenti consumi delle comunità, dell'agricoltura e dell'industria.

COME GESTIAMO IL NOSTRO CONSUMO DI ACQUA?
Nel 2018 abbiamo iniziato a condurre audit idrici presso i nostri stabilimenti per identificare le opportunità di miglioramento. Nel 2019 abbiamo avviato una collaborazione con il Politecnico di Torino finalizzata a definire un metodo di determinazione del rischio idrico nelle regioni in cui si trovano i nostri stabilimenti: tale collaborazione prevede un'indagine dettagliata delle fonti di approvvigionamento idrico degli stessi.

TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE
Trattiamo l'acqua utilizzata nei nostri processi di produzione negli impianti di trattamento delle acque reflue, sia comunali che di nostra proprietà. Il nostro obiettivo è di ridurre le sostanze inquinanti contenute nelle acque reflue migliorando i sistemi di trattamento attraverso tecnologie più efficienti, ricercando metodi di lavaggio alternativi o più efficienti ed utilizzando prodotti più ecologici.

RIUTILIZZO E RICICLO
Promuoviamo il riutilizzo e il riciclo dell'acqua all'interno dei nostri stabilimenti e dei nostri processi di produzione. In fase di costruzione e successivo potenziamento degli impianti di trattamento delle acque reflue prestiamo grande attenzione alle possibili opzioni di riutilizzo dell'acqua: tra queste vi sono trattamenti quali l'ultrafiltrazione e l'osmosi inversa, che consentono di raccogliere l'acqua e riutilizzarla per scopi secondari, per esempio nelle torri di raffreddamento e nelle caldaie.

I materiali di scarto possono rivelarsi una risorsa preziosa. Noi di Ferrero applichiamo il principio della circolarità per mantenere le risorse in uso il più a lungo possibile, in modo tale da ricavarne il massimo valore, ridurre l'impatto ambientale e contribuire alla conservazione delle risorse naturali.

I principali flussi di rifiuti derivanti dalle nostre operazioni sono costituiti da carta, plastica e cartone, nonché rifiuti organici generati dalle attività di produzione. Gestiamo i nostri rifiuti facendo riferimento ad una gerarchia ben precisa, in primis eliminando i rifiuti prodotti nell’ambito delle nostre attività di produzione e dando sempre priorità al riutilizzo e al riciclo.

Perseguiamo un approccio "zero" rifiuti in discarica e stiamo esplorando nuovi modi per riutilizzare e riciclare i nostri rifiuti.

Energia L'efficienza energetica è la nostra principale leva per ridurre le emissioni e, allo stesso tempo, diminuire i costi e migliorare le prestazioni delle nostre operazioni. Investiamo risorse e sviluppiamo progetti con lo scopo di ottimizzare le nostre attività sulla base delle migliori tecniche disponibili. In particolare, i progetti vengono identificati sulla base di valutazioni scientifiche ed attività quali audit energetici, valutazioni tecniche, workshop per i dipendenti e best practice condivise dai nostri auditor interni ed esperti di energia.

I progetti tecnici includono:

  • INSTALLAZIONE DI MOTORI AD ALTA EFFICIENZA, SISTEMI DI ILLUMINAZIONE A LED E CONTATORI DI ENERGIA
  • OTTIMIZZAZIONE DELLE UNITÀ DI PRODUZIONE DI ENERGIA DI RAFFREDDAMENTO, DELLA GENERAZIONE E DISTRIBUZIONE DI ARIA COMPRESSA E DEI SISTEMI DI VENTILAZIONE E CONDIZIONAMENTO
  • RECUPERO DEL CALORE DI SCARTO DERIVANTE DA PROCESSI E OPERAZIONI
  • ISOLAMENTO TERMICO DI TUBI E VALVOLE
Abbiamo investimenti mirati volti ad aumentare la produzione di energia rinnovabile in loco e l'utilizzo di combustibili sostenibili alternativi. Nell'anno fiscale 18/19 abbiamo installato impianti fotovoltaici in quattro stabilimenti: San Josè Iturbide (Messico), Sant'Angelo dei Lombardi (Italia), Lithgow (Australia) e Poços de Caldas (Brasile).

Energia Verde Nell'anno fiscale 18/19, le nostre sedi di Alba (Italia), Pozzuolo (Italia), Balvano (Italia), S. Angelo (Italia), Brantford (Canada), Villers-Écalles (Francia) e Alfreton (Regno Unito) si sono impegnate ad acquistare solo elettricità verde certificata dalla garanzia di origine (GO), unendosi agli stabilimenti che lo stavano già facendo: Arlon (Belgio), Belsk (Polonia), Cork (Irlanda) e Stadtallendorf (Germania). Lo stabilimento di Alfreton (UK) è stato il primo con il 100% di energia elettrica e termica acquistate dalla rete rispettivamente con certificati REGO (Renewable Energy Guarantees Origin) e RGGO (Renewable Gas Guarantee of Origin).

Il nostro stabilimento di Alfreton (UK) è stato il nostro primo impianto con il 100% di energia elettrica e gas acquistato dalla rete rispettivamente con certificati REGO (Renewable Energy Guarantees Origin) e RGGO (Renewable Gas Guarantee of Origin).

Packaging Gli imballaggi rappresentano una delle più grandi sfide in cui il settore alimentare e delle bevande è chiamato a misurarsi. Per affrontare al meglio tale sfida, Ferrero si impegna a rendere tutti gli imballaggi 100% riutilizzabili, riciclabili o compostabili entro il 2025. L’impegno potrà essere rispettato solo superando gli attuali limiti, creando partnership e investendo in R&D e Open Innovation per sviluppare nuove soluzioni di imballaggio da applicare ai prodotti e alle operazioni del Gruppo a livello globale.

Perché il packaging è necessario? Gli imballaggi svolgono un ruolo fondamentale nella protezione e nella conservazione dei prodotti che arrivano ai consumatori.

GARANTISCONO LA SICUREZZA E LA QUALITÀ OTTIMALE DEGLI ALIMENTI
AIUTANO A RIDURRE GLI SPRECHI ALIMENTARI E A PROLUNGARE LA DURATA DI CONSERVAZIONE
FORNISCONO INFORMAZIONI AI CONSUMATORI
CONSENTONO DI OFFRIRE UNA SELEZIONE DI PORZIONI DI DIMENSIONI CONTENUTE

Il packaging preserva il cibo da contaminanti esterni e garantisce gusto e qualità prevenendone il deterioramento e consentendone il trasporto, lo stoccaggio e la distribuzione.

Il packaging funge da barriera protettiva, riducendo l'esposizione all'ambiente, mantenendo cibi e bevande al sicuro più a lungo, dando ai consumatori più tempo per godersi il proprio prodotto.

Il packaging differenzia i nostri marchi sullo scaffale e fornisce informazioni obbligatorie e volontarie per aiutare i consumatori a fare scelte consapevoli. Ciò include l'etichettatura nutrizionale, le assunzioni di riferimento, le indicazioni sul riciclaggio e altre informazioni.

I prodotti sono disponibili in un'ampia varietà di porzioni per adattarsi alle occasioni previste. Le confezioni porzionate singolarmente sono importanti per aiutare i consumatori a gustare i cibi che amano, nell'ambito di una dieta varia ed equilibrata.

Ferrero è orgogliosa dei propri prodotti e pone la sicurezza dei consumatori e la qualità dei prodotti al centro delle proprie decisioni in fase di progettazione degli imballaggi.

Il nostro approccio La sicurezza dei consumatori e la qualità dei prodotti sono al centro delle nostre scelte in fase di progettazione degli imballaggi. Nell'ambito delle attività volte ad offrire alimenti e bevande della massima qualità, ci assumiamo un ulteriore impegno: aumentare la circolarità degli imballaggi. A tal proposito, utilizziamo dati basati sui fatti ed investiamo tempo e risorse nello sviluppo di progetti e nell'esplorazione di opportunità che facilitino l'adozione di imballaggi circolari. Ciò significa testare soluzioni in condizioni reali, compreso il fine vita, e compiere ogni sforzo necessario in nome della sicurezza del consumatore e della qualità del prodotto.

La rielaborazione di prodotti e imballaggi per soddisfare le aspettative dei consumatori impone di mettere l'innovazione al centro dei nostri sforzi, di collaborare con i partner rilevanti della catena del valore, di coinvolgere fornitori e partner locali e globali e di creare sinergie con i principali stakeholder per contribuire alla definizione di linee guida e protocolli di prova per la valutazione dei materiali di imballaggio. Significa infine coinvolgere ed educare i consumatori, elemento chiave per realizzare una transizione di successo verso un'economia maggiormente circolare.

5R - INTEGRIAMO LE 5R NEL NOSTRO APPROCCIO DI ECODESIGN

Nello sviluppare e programmare gli imballaggi, Ferrero adotta la cosiddetta “Strategia delle 5R”, finalizzata ad ottenere risultati ottimali in termini di qualità e freschezza, minimizzando la quantità di rifiuti prodotti.

Le 5R sono principi considerati fondamentali da Ferrero e guidano la progettazione degli imballaggi sotto l’aspetto dell’ecodesign.

Il nostro obiettivo per il 2025 Entro Il 2025, tutti gli imballaggi saranno 100% riutilizzabili, riciclabili o compostabili.
In linea con la propria visione di uno sviluppo di un’economia di tipo circolare, Ferrero ha annunciato nel 2019 l'impegno a rendere i propri imballaggi 100% riutilizzabili, riciclabili o compostabili entro il 2025. Contestualmente a tale annuncio, Ferrero ha firmato il New Plastics Economy Global Commitment della Fondazione Ellen MacArthur, che riflette l’ambizione del Gruppo di svolgere un ruolo attivo nell'eliminazione di imballaggi in plastica problematici o superflui attraverso la riprogettazione e l'innovazione.

La roadmap delineata in vista del 2025 si concentra su una serie di aree chiave:

  • 1. Sviluppo e riprogettazione degli imballaggi esistenti Intendiamo riprogettare i nostri imballaggi e perfezionare quelli attuali per garantire riciclabilità e compostabilità attraverso materiali alternativi. I nostri progettisti sviluppano soluzioni di imballaggio e identificano materiali che ne consentano lo smaltimento, la raccolta, lo smistamento e la lavorazione alla fine del ciclo di vita. Le linee guida e gli strumenti di ecodesign forniscono procedure ben definite per i progetti di imballaggio a livello globale.
  • 2. R&D e Open Innovation Puntiamo a ripensare la sostenibilità degli imballaggi facendo leva sulle nuove tecnologie, accelerandone l’applicazione attraverso partnership globali, massimizzando l'uso di materiali riciclati ove sicuri per i nostri consumatori ed esplorando le potenzialità dei materiali di imballaggio compostabili di prossima generazione, con particolare attenzione alle soluzioni di compostaggio marino, per contribuire a proteggere i nostri oceani.
  • 3. Collaborazione con gli operatori del settore del riciclo ed i sistemi nazionali di gestione dei rifiuti Ci proponiamo di sviluppare nuove soluzioni per i materiali difficili da riciclare e di esplorare le opportunità offerte dall’utilizzo dei rifiuti di imballaggio come risorse. Valutiamo l'adozione di nuovi modelli di business, promuovendo il riutilizzo degli imballaggi in un sistema a circuito chiuso.
  • 4. Realizzazione di una transizione di successo verso un'economia di tipo circolare e definizione di azioni volte a eliminare i rifiuti investendo nell’informazione rivolta ai consumatori Utilizzando il potere dei nostri marchi, vogliamo dotare le persone di conoscenze e strumenti, offrendo loro consigli sul riciclo, opportunità di upcycling e informazioni chiare sul fine vita.